Giardinaggio e dintorni

Giardinaggio e dintorni

Riacquisire periodicamente il contatto con la natura, giova a corpo e spirito. In una tiepida giornata di aprile, prendersi cura delle proprie piante, stancare le braccia, sporcarsi di terra, accumulare ossigeno, usare le mani, farsi sfuggire qualche risata… E’ questo probabilmente il modo migliore per scrollarsi di dosso malumori e tensioni accatastate nei mesi freddi. Per pensare. Per non pensare affatto. Per essere felici.
In un quadernetto di annotazioni, poi pubblicato con il titolo “Scritto in un giardinoMarguerite Yourcenar scrive:

“Le radici affondate nel suolo,
i rami che proteggono i giochi degli
scoiattoli, i rivi e il cinguettio degli
uccelli; l’ombra per gli animali e gli
uomini; il capo in pieno cielo.
Conosci un modo più saggio
di esistere?”

Continua a leggere

I fiori di Nico: Bocche di Leone

I fiori di Nico: Bocche di Leone

Le Bocche di Leone, in latino Antirrhinum majus, sono fiori alti circa mezzo metro. Hanno diverse foglie lanceolate lungo lo stelo e, non ci crederete, appartengono alla categoria delle erbe selvatiche, come le ortiche – per intenderci – ma di tutt’altra foggia. Continua a leggere

U Pick. U know?

U Pick. U know?

Chi da bambino non ha fatto qualche salterello vicino ad un albero da frutta, col braccino all’insù cercando di prendere qualche frutto, alzi la mano!  Avete già deciso dove passare il fine settimana? Noi non decideremo mai, ma sono certa che se vicino Roma ci fosse uno di questi campi U Pick, trascinerei lì tutta la famiglia! All’estero vanno fortissimo da tempo! Si entra con il solo obbligo di pagare almeno 2 fiori, pochi etti di frutta o verdura, e per il resto, si è liberi di trascorrere in questi giardini tutta la giornata e di raccogliere autonomamente quello che si vuole, cestini alla mano.  Continua a leggere

I fiori di Nico * Fresie e Ginestra*

I fiori di Nico * Fresie e Ginestra*

Forse per solidarietá al fioraio di quartiere, forse per compensare il vuoto creato dalle disattese aspettative rispetto ad un Festival di Sanremo afono quanto Pippo Baudo con la bronchite, ieri mi sono arrogata il diritto di anticipare la primavera acquistando i primi fiori della stagione.


Mi sono divertita a creare una composizione in contrasto per forma e colore, fresca e leggera. Considerate che entrambe questi tipi di fiori sono mediamente duraturi in acqua. Se vorrete cimentarvi anche voi nella realizzazione di questa composizione, vi incoraggerá sapere che potrete godere del risultato per una decina di giorni almeno, assicurandovi, per pochi soldini, qualche sorriso ogni sera, rientrando a casa. Continua a leggere