Una giornata all’ EXPO Milano 2015

Una giornata all’ EXPO Milano 2015

Ciao a tutti!

sapete? siamo stati all’Expo! E devo dire che ne è valsa la pena.

Prima di partire ho cercato informazioni su web e cartaceo per capire di cosa si trattasse effettivamente, quanto e cosa valesse davvero la pena vedere, che tipo di biglietto comprare e quanti giorni dedicarvi. Vi dirò, pur avendo letto tanto, non ero riuscita a farmi un’idea precisa. Questo perché L’Expo Milano 2015 occupa uno spazio molto ampio e così denso di ogni forma di informazione ed esperienza che una volta entrati non resta che orientarsi con la propria mappa, e dirigersi verso i padiglioni assecondando le proprie curiosità.

Continua a leggere

Annunci

La vita è un’estate

A quanti di voi mi chiedono e si domandano cosa voglia dire, infondo, “la vita è un’estate” rispondo volentieri condividendo il mio personalissimo pensiero secondo cui la stagione estiva rappresenta la sintesi perfetta di una vita.
Una grande esplosione dei sensi e grosse sudate; succosissima frutta e terreni crepati per la siccità; trionfo di colori e paglia secca, lunghe corse gioiose e poi tanta sete; divertimento sfrenato e compiti per le vacanze, cose belle e cose brutte. È la vita. E’ così. In questo modo mi ricordo che ci sono cose che vanno prese meno sul serio, mentre altre, importanti o difficili da accettare, si può trovare il modo di trattarle con un velo di leggerezza o perlomeno, il pensiero dell’estate mi aiuta a non tralasciare le cose o le persone belle che rimangono attorno e continuano ad esserci, nonostante un fatto brutto abbia suonato al campanello.
Spero che la spiegazione sia stata esaustiva e non vi abbia deluso e che condividiate questa mia convinzione. Pensateci… scrivetevelo da qualche parte… mettetevelo nel portafogli…

Coraggio,
la vita è un’estate. :)

Bulgaria: Martenitsa (la festa marzolina)

Antiche tradizioni vogliono che, qui in Bulgaria, il mese di marzo sia dedicato interamente all’arrivo primavera. Il primo del mese si festeggia Baba Marta ed anche se la lingua locale è molto diversa dalla nostra, il suono infantile di queste parole non può che evocare qualcosa di piacevole. Ed è proprio così: la parola baba vuoldire nonna mentre marts indica chiaramente il mese di marzo. come ogni antica tradizione che si rispetti, anche baba Marta ha i suoi simboli. Le strade di Burgas sono infatti piene di banchetti dove è possibile comprare per pochi centesimi braccialetti ed ammennicoli di ogni genere bianchi e rossi che le donne devono comprare per gli uomini e per sè stesse in segno di buon augurio. Sono i martenitsa e chi li indossa non deve toglierli se non ha visto la prima cicogna, la prima rondine o il primo albero in fiore: tutti chiari segnali di una primavera ormai alle porte! quando soffri il freddo e vivi in un paese molto freddo e avvolto dalla nebbia è bello che ad ogni angolo della strada qualcuno stia lì a ricordarti che tra poco cambierà..

Bianco e rosso vi dicevo.. Continua a leggere